Orari ufficio: Lun - Ven 10:00 - 18:00

E-commerce in Bulgaria: un business sempre più in crescita

La pandemia ha incrementato lo sviluppo del mercato bulgaro online e ha aumentato la presenza e quindi gli introiti delle imprese su Internet. Se il 2020 è stato un anno che ha messo sulle spine tantissime imprese, allo stesso tempo la pandemia ha permesso di accrescere il potenziale di tante altre aziende grazie al business online. La nascita dell’e-commerce non è certamente una novità, ma il covid-19 ha “costretto” molteplici imprese a innovarsi e a trasformare il loro business da offline a online.

Se fino a qualche anno fa la presenza online delle imprese era un’utopia, oggi è un must, tanto che nonostante l’eliminazione di alcune restrizioni e il ritorno dei consumatori ai negozi fisici, la maggior parte delle persone tende a preferire gli acquisti online e non tornare alle abitudini d’acquisto precedenti. Le conseguenze di questa tendenza non possono che essere positive, in quanto ciò vuol dire che ci saranno nuovi attori sul mercato, nuovi investimenti, crescita e trasformazione digitale per le imprese. Questa crescita ha coinvolto anche la Bulgaria, che ha raggiunto un valore di quasi un miliardo di euro. Secondo l’Associazione bulgara di e-commerce (BEA), nel 2020 oltre 1,6 milioni di consumatori bulgari hanno fatto acquisti online e hanno fiducia nel processo.

Un altro cambiamento delle abitudini degli acquisti online è nelle preferenze dei consumatori, in quanto il COVID-19 ha accelerato la crescita dell’e-commerce e dei canali di vendita digitali che in passato erano deboli, come ad esempio i prodotti alimentari e per la casa. Infatti, secondo Janet Naydenova, presidente dell’Associazione bulgara per il commercio elettronico (BEA), durante la prima parte della pandemia c’era il 70-80% in meno di domanda di abbigliamento, calzature e viaggi. La crescita della domanda è stata vista, invece, in prodotti per la salute e la cura personale, prodotti alimentari, prodotti per la pulizia della casa, attrezzature sportive, prodotti tecnologici quali consolle, computer, videogiochi, tablet e libri e giocattoli per bambini.

Ritornando al settore food, T-Market è stata la prima catena alimentare bulgara ad introdurre un negozio online durante l’emergenza sanitaria nel marzo 2020. L’azienda ha dichiarato che l’allestimento del negozio online era iniziato qualche mese prima della pandemia, ma la situazione ha accelerato il processo, tanto che il servizio è stato espanso non solo a Sofia, ma anche a Plovdiv, Asenovgrad, Pernik e Stara Zagora. Metro Bulgaria invece, ha aperto la sua piattaforma di consegna online non solo ai clienti professionali, ma anche a chiunque a Sofia voglia fare acquisti online. C’è anche un nuovo investitore nel settore food delivery, la piattaforma online bulgara eBag, sicuramente uno tra i maggiori vincitori della quarantena a causa dell’eccesso di acquisti su Internet.

Precedente Videoconferenza con Promos Italia riguardo una possibile collaborazione sull’internazionalizzazione d’impresa nella Bulgaria

SEDE

via Beverino n. 19

cap 00168 Roma

Apertura Uffici:

Lun – Ven: 10:00 – 18:00


SUCCURSALE SUD
via Francesco Petrarca
70019 Triggiano (Bari)

SUCCURSALE NORD
via S. Giusto n. 37
20153 Milano


SUCCURSALE ESTERA
ul. Rakovski n. 42
1202 Sofia
(Bulgaria)

CCIBI.IT © 2019 - 2022. All Rights Reserved
C.F. 93498430722

Responsabile Ufficio Stampa:
dr. Stefano Baldassarre OdG n. 171059